Liceo Classico Europeo – LCE – Nuovo

testatina-scuola22

Nuovo Liceo Classico Europeo

Programmi svolti 2016-2017,  clicca per accedere.

Codice Ministeriale PDPM030004
Europeo

Identità del corso di studi

Il Liceo Classico Europeo nasce nel 1993 in seguito al trattato di Maastricht, agli albori dell’Unione Europea. A quell’epoca si pensa, infatti, che sia necessaria una scuola che aiuti a fondare una coscienza europea negli studenti favorendo modalità di apprendimento innovative e scambi di persone e buone pratiche fra i paesi dell’Unione. L’indirizzo, allora sperimentale viene attivato solamente negli Educandati e Convitti statali, che, con la loro struttura di accoglienza, ben si prestano alle attività di laboratorio pomeridiano ed allo scambio fisico degli studenti da un paese all’altro.
Per queste sue peculiarità è l’unica maxi sperimentazione che rimane inalterata dopo il riordino del 2009 (la Riforma Gelmini) ed è oggi presente in 22 scuole in tutta Italia. In Veneto esistono solo tre istituti presso i quali è possibile frequentare il Liceo Classico Europeo e l’unico in Provincia di Padova è istituito presso l’Educandato San Benedetto di Montagnana.
Il Liceo Europeo è attivo nell’istituto già dal 1995 ma da quest’anno si presenta in una veste rinnovata che, ritornando ai valori e ai principi originali della sperimentazione, garantisca un’offerta di modernità, innovazione e internazionalità.europeo4
Un importante pilastro del progetto è, fin dal principio, la didattica laboratoriale. In un periodo in cui non si fa che parlare di “cooperative learning”, “peer learning”, “flipped classroom” la struttura dell’europeo si presenta come ideale. Nel piano orario della scuola, infatti, si evidenzia che una parte consistente dell’orario è dedicata ad attività di laboratorio ed è parte integrante non sostituibile alle lezioni frontali. In pratica, questo significa che, se durante le prime ore del mattino la lezione in classe si svolgerà nella maggior parte con modalità tradizionali, durante le ultime ore mattutine e nei pomeriggi gli studenti si dedicheranno ad attività che li aiuteranno a fissare in modo personale e attivo le conoscenze.

Laboratori al centro

Si dice “se ascolto, dimentico, se vedo ricordo ma se faccio capisco”, proprio a questa didattica del fare saranno dedicate le ore laboratoriali che si svolgeranno in modalità innovativa anche dal punto di vista logistico. Saranno gli studenti, infatti, a cambiare aula durante le ore di laboratorio e non in professori, individuando, insieme a questi ultimi, quale laboratorio seguire, a seconda del loro livello di competenza, in modo da rafforzare le proprie potenzialità e recuperare eventuali carenze evidenziate nei momenti di lezione frontale. Il laboratorio si strutturerà come un campus in stile anglosassone in cui gli studenti, facilitati dagli insegnanti, potranno seguire un percorso il più possibile personalizzato che possa valorizzare le proprie potenzialità e risorse individuali. In questo modo verrà favorita la buona integrazione di tutti gli alunni e si metteranno in luce le qualità di ognuno in modo specifico. È da ricordare, inoltre, che, grazie alla possibilità del semiconvitto e convitto del Collegio, gli studenti, nei pomeriggi in cui non avranno laboratorio, potranno rimanere a scuola dove saranno seguiti da un educatore dedicato alla classe che li aiuterà nella costruzione del metodo di studio e con cui potranno costruire un rapporto di fiducia e collaborazione raro nel panorama della scuola superiore di secondo grado.

Una coscienza Europea

L’altra fondamentale colonna del Liceo Europeo è la costruzione di una coscienza europea a 360 gradi. Questa viene acquisita attraverso lo studio delle lingue e civiltà classiche, sulle quali si fonda la cultura europea, ma soprattutto attraverso il grande rilievo che l’indirizzo dà alle lingue e cueuropeo 3lture moderne. All’inglese e allo spagnolo, infatti, verranno dedicate quattro ore settimanali (due di lezione frontale e due di laboratorio) con la presenza costante in classe dell’insegnante e del conversatore madrelingua per tutti i cinque anni. Oltre a ciò dal secondo anno il diritto e l’economia saranno insegnati in lingua inglese e dal terzo anno la storia dell’arte verrà veicolata in spagnolo. A tutto questo si aggiunge una nutrita programmazione di esperienze, vacanze studio e scambi culturali all’estero che andranno a completare il quadro. Va da sé che i risultati conseguiti a livello linguistico saranno estremamente elevati, così da garantire il conseguimento di certificazioni di lingua avanzate e la possibilità di sostenere, presso la scuola, esami tali da consentire l’accesso a università europee senza la necessità di ulteriori qualifiche (come ad esempio Cambridge Advanced o International A-Levels).
Non da trascurare sono, inoltre, le buone basi scientifico-matematico-informatiche offerte dal questo indirizzo liceale che lo rendono uno degli indirizzi più versatili presenti nell’offerta formativa italiana.

Riassumendo troverai:

  • settimana corta (con 3 rientri pomeridiani dedicati ai laboratori);
  • didattica modulare (contenuti delle discipline organizzati per moduli interconnessi)- didattica laboratoriale (cooperative learning e peer to peer);
  • setting innovativo: classe americana (non i docenti, ma gli alunni si spostano e vanno nelle classi attrezzate);
  • classe 2.0: tutte le aule con LIM, 2 laboratori di informatica con pc di ultima generazione, un tablet per alunno con postazioni di ricarica, linea internet veloce 30 Mb, niente zaini, ma armadietti per riporre il materiale personale;
  • lingua inglese e spagnola + CLIL + viaggi all’estero e soggiorni estivi in Spagna e nel Regno Unito;
  • Convittiadi: settimana residenziale dedicata allo sport per competizioni fra i Convitti italiani…
  • Accademia musicale se ti piace cantare o suonare da solo o in una band
  • E… non dimenticare che il tablet te lo forniamo noi!

Orario in 5 giorni alla settimana:

Riferimenti esterni

Vuoi approfondire e leggere esperienze? ecco il link di un sito indipendente.

Descrizione Liceo classico europeo in Wikipedia

rivista “Studi e documenti degli annali della pubblica istruzione” Roma 1995 n. 72