Scuola Secondaria II Grado – LICEI

testatina-scuola22

Liceo delle Scienze Umane

L’identità
Il Liceo delle Scienze Umane è il nuovo percorso liceale che deriva dal precedente istituto magistrale istituito nella nostra scuola nel 1921 e dal successivo liceo socio-psico-pedagogico e sociale.
Il naturale sbocco nel nuovo Liceo è pertanto sostenuto da una tradizione bicentenaria (nel 2011 abbiamo raggiunto questa importante meta) e da una ricerca didattica consolidata nel tempo, sempre attenta alle innovazioni e ai cambiamenti della realtà contemporanea, che i docenti dell’istituto sentono come esigenza prioritaria nella formazione degli studenti per prepararli al futuro.
Il Collegio offre la possibilità, per chi lo desidera, di usufruire del servizio di semiconvitto e convitto

I contenuti di studioles
Il Liceo delle scienze umane si caratterizza per lo studio della pedagogia, della psicologia, della antropologia, della sociologia, discipline che concorrono alla formazione della persona e dell’individuo come soggetto di reciprocità e di relazioni. I contenuti disciplinari permettono di acquisire le competenze necessarie per comprendere le dinamiche della realtà individuale e sociale, con particolare attenzione ai fenomeni educativi e ai processi formativi formali e non, ai servizi alla persona, al mondo del lavoro, ai fenomeni interculturali e ai contesti della convivenza e della costruzione della cittadinanza.
La comprensione dei fenomeni sociali e culturali contemporanei è favorita inoltre dall’approccio didattico pluridisciplinare tra le scienze umane e la filosofia, la storia e la letteratura atte a ricostruire i processi del pensiero e della civiltà di ieri e di oggi.
Si sottolinea pure lo studio delle discipline scientifiche che integrano e valorizzano la formazione culturale propria del liceo.
Le opportunità
Il percorso di studi garantisce allo studente la possibilità di acquisire gli strumenti e le metodologie relazionali e comunicative utili ad inserirsi nel mondo del lavoro e nella società in maniera consapevole e critica grazie anche alla solida preparazione linguistica data dall’apprendimento della lingua italiana, del latino e dell’inglese.Il Collegio, oltre alla frequenza delle lezioni, permette, per chi lo desidera, di usufruire di molti servizi compreso il semiconvitto e convitto

Per ulteriori informazioni è consultabile il sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Ulteriore Pagina web con video del MIUR

Liceo delle Scienze Umane
Opzione Economico Socialeles2

Il Liceo delle Scienze Umane/opzione economico sociale (più brevemente LES) è il liceo della contemporaneità.
Si tratta infatti di un nuovo indirizzo liceale che si propone di fornire agli studenti gli strumenti culturali indispensabili per conoscere e affrontare in profondità questioni attuali (quali il problema delle risorse disponibili, del benessere individuale e collettivo, delle regole della convivenza civile, della responsabilità delle scelte) attraverso il concorso di più discipline di studio (il diritto e l’economia, le scienze umane, la matematica e la statistica, le lingue straniere – inglese e tedesco, la storia e la filosofia…) e mediante un approccio caratterizzato da una forte complementarietà e interdipendenza dei saperi.

les3
Il LES è in grado di fornire una preparazione liceale aggiornata e spendibile in più direzioni. Al termine del corso gli studenti infatti potranno scegliere se proseguire gli studi all’Università, con possibilità di accesso a qualsiasi facoltà risponda agli interessi dell’alunno (non solo Giurisprudenza, Scienze Sociali, Economia, Scienze Politiche, ma anche facoltà scientifiche e umanistiche in genere), oppure inserirsi nel mercato del lavoro, potendo vantare una preparazione articolata, aperta verso più fronti e sostenuta da competenze multiple, tutte spendibili in numerose situazioni professionali.
I seguenti link al sito del Ministero offrono una più completa presentazione:
Perché scegliere il liceo economico sociale
orienta il tuo futuro (breve video)
e dopo aver completato il liceo economico sociale?
Indirizzo sito del Liceo – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Liceo Classico Europeo

Nuovo

EuropeoIl Liceo Classico Europeo nasce nel 1993 in seguito al trattato di Maastricht, agli albori dell’Unione Europea. A quell’epoca si pensa, infatti, che sia necessaria una scuola che aiuti a fondare una coscienza europea negli studenti favorendo modalità di apprendimento innovative e scambi di persone e buone pratiche fra i paesi dell’Unione. L’indirizzo, allora sperimentale viene attivato solamente negli Educandati e Convitti statali, che, con la loro struttura di accoglienza, ben si prestano alle attività di laboratorio pomeridiano ed allo scambio fisico degli studenti da un paese all’altro.
Per queste sue peculiarità è l’unica maxi sperimentazione che rimane inalterata dopo il riordino del 2009 (la Riforma Gelmini) ed è oggi presente in 22 scuole in tutta Italia. In Veneto esistono solo tre istituti presso i quali è possibile frequentare il Liceo Classico Europeo e l’unico in Provincia di Padova è istituito presso l’Educandato San Benedetto di Montagnana.
Il Liceo Europeo è attivo nell’istituto già dal 1995 ma da quest’anno si presenta in una veste rinnovata che, ritornando ai valori e ai principi originali della sperimentazione, garantisca un’offerta di modernità, innovazione e internazionalità.europeo4
Un importante pilastro del progetto è, fin dal principio, la didattica laboratoriale. In un periodo in cui non si fa che parlare di “cooperative learning”, “peer learning”, “flipped classroom” la struttura dell’europeo si presenta come ideale. Nel piano orario della scuola, infatti, si evidenzia che una parte consistente dell’orario è dedicata ad attività di laboratorio ed è parte integrante non sostituibile alle lezioni frontali. In pratica, questo significa che, se durante le prime ore del mattino la lezione in classe si svolgerà nella maggior parte con modalità tradizionali, durante le ultime ore mattutine e nei pomeriggi gli studenti si dedicheranno ad attività che li aiuteranno a fissare in modo personale e attivo le conoscenze. Si dice “se ascolto, dimentico, se vedo ricordo ma se faccio capisco”, proprio a questa didattica del fare saranno dedicate le ore laboratoriali che si svolgeranno in modalità innovativa anche dal punto di vista logistico. Saranno gli studenti, infatti, a cambiare aula durante le ore di laboratorio e non in professori, individuando, insieme a questi ultimi, quale laboratorio seguire, a seconda del loro livello di competenza, in modo da rafforzare le proprie potenzialità e recuperare eventuali carenze evidenziate nei momenti di lezione frontale. Il laboratorio si strutturerà come un campus in stile anglosassone in cui gli studenti, facilitati dagli insegnanti, potranno seguire un percorso il più possibile personalizzato che possa valorizzare le proprie potenzialità e risorse individuali. In questo modo verrà favorita la buona integrazione di tutti gli alunni e si metteranno in luce le qualità di ognuno in modo specifico. E’ da ricordare, inoltre, che, grazie alla possibilità del semiconvitto e convitto del Collegio, gli studenti, nei pomeriggi in cui non avranno laboratorio, potranno rimanere a scuola dove saranno seguiti da un educatore dedicato alla classe che li aiuterà nella costruzione del metodo di studio e con cui potranno costruire un rapporto di fiducia e collaborazione raro nel panorama della scuola superiore di secondo grado.
L’altra fondamentale colonna del Liceo Europeo è la costruzione di una coscienza europea a 360 gradi. Questa viene acquisita attraverso lo studio delle lingue e civiltà classiche, sulle quali si fonda la cultura europea, ma soprattutto attraverso il grande rilievo che l’indirizzo dà alle lingue e cueuropeo 3lture moderne. All’inglese e allo spagnolo, infatti, verranno dedicate quattro ore settimanali (due di lezione frontale e due di laboratorio) con la presenza costante in classe dell’insegnante e del conversatore madrelingua per tutti i cinque anni. Oltre a ciò dal secondo anno il diritto e l’economia saranno insegnati in lingua inglese e dal terzo anno la storia dell’arte verrà veicolata in spagnolo. A tutto questo si aggiunge una nutrita programmazione di esperienze, vacanze studio e scambi culturali all’estero che andranno a completare il quadro. Va da sé che i risultati conseguiti a livello linguistico saranno estremamente elevati, così da garantire il conseguimento di certificazioni di lingua avanzate e la possibilità di sostenere, presso la scuola, esami tali da consentire l’accesso a università europee senza la necessità di ulteriori qualifiche (come ad esempio Cambridge Advanced o International A-Levels).
Non da trascurare sono, inoltre, le buone basi scientifico-matematico-informatiche offerte dal questo indirizzo liceale che lo rendono uno degli indirizzi più versatili presenti nell’offerta formativa italiana.

Vuoi approfondire e leggere esperienze, ecco il link di un sito indipendente.

Descrizione Liceo classico europeo in Wikipedia

rivista “Studi e documenti degli annali della pubblica istruzione” Roma 1995 n. 72