Collegamenti

Elaborati di due allieve della Scuola Secondaria I° Grado

recuperoCiascun testo documenta il lavoro svolto da allieve undicenni nel corso dell’ora alternativa all’insegnamento della Religione Cattolica. Entrambe hanno approfondito l’aspetto della descrizione soggettiva e in seguito hanno autonomamente redatto, a partire da un’unica traccia, l’una una poesia, l’altra un racconto e l’hanno arricchito con una scelta di immagini estrapolate da Internet.
Ogni elaborato evidenzia la serietà con cui le allieve si sono applicate e, nel contempo, come ciascuna abbia esplicato la propria personalità nella scelta sia del genere letterario, sia delle immagini a corredo di esso.
MCVmontagne
IL MIO CORTILE VICINO ALLE MONTAGNE

Il mio cortile vicino alle Montagne
mi fermo
ogni tanto.
Ascoltando il sibilo della pioggia
che scende e che scivola
verso i tetti delle case;
verso le fognature…

Ascolto le auto
affondare nelle pozzanghere.pozzanghere
Le foglie colorate
mischiate
alla pioggia
che formano un vortice vivace.

Ascolto…

tra le case, se tendo l’orecchio,
strilli e mormorii
nella fattoria, gli animali:
sbuffano e nitriscono,

grugnito di maialicitta
e squittii di topolini
in fuga dal gatto affamato.
Ahhh che bella vita!

Ascolto…

Il sussurrio del vento
che sfiora la mia pelle

lo schianto titanico
dei cori di nuvole,

il sibilo dell’acqua
succhiata dal sole,
il suono limpido della luce!

Che posso dire!?… Che suono hanno allora le parole?

Ghita Samaoui
IA SSIG

IN UN CORTILE CON MOLTI ANIMALI
Nel mio cortile ci sono tanti animali: sento il latrato di un cane, i miagolii di un gatto, sento i conigli che cavallozigano, i cavalli che sbuffano. Andando davanti vicino al pino sento scrocchiare gli aghi sotto la suola delle mie scarpe e il fruscio delle foglie degli aceri. Guardando verso l’alto, vedo un nido con un merlo e ne sento il cinguettio. Percepisco il pigolio dei nidiaci: sono appoggiata vicino ai merlotti e il merlo salta e mi fa un versaccio. All’improvviso sento dei battiti delle ali e guardo il merlo che vola via dal nido.
Di fronte al cortile c’è un mare splendido con onde che frusciano, passando dalla spiaggia sentivo la sabbia morbida come un tappeto. Un certo punto ho fatto un salto, vidi una conchiglia con tante punte, la presi con le mani, la misi vicino alle orecchie e sento il mormorare delle onde.
baleneMi siedo sulla roccia, provo a soffiare dentro la conchiglia, all’improvviso vidi un gruppo di delfini che abbaiano, hanno un colore dal grigio al celeste e grigie balene che soffiano. Anche se non sono andato a toccare, si vede che la sua pelle è molto liscia. Pian piano la balena seguita dai delfini si avvicina alla spiaggia: non m’impaurisco ma mi sono ritirata un po’ all’indietro. All’ultimo momento, con un guizzo improvviso, la balena si tuffò. Di lei scorsi l’enorme coda che mi saluta e dopo dà uno schiaffo all’acqua talmente forte che mi lava tutta con l’acqua salata. Ho fatto un salto di spavento e sono corsa come una lepre in casa a cambiarmi e a rifare la doccia.
È stata una giornata meravigliosa, ma un po’ troppo. Speriamo che non sia un sogno.

Zhou Anastasia
1 A SS1G

images-1

tag:
cortile elaborato